martedì 23 agosto 2016

Le donne sono i negri del Femminismo - episodio 3: "quando la questione è l'aborto, è diritto delle donne; quando è la vendita di sesso, lo Stato deve intervenire"

Giochi "familiari" vedono lotta ideologica tra prostitute e femministe radicali

Luiza Oliveira

Da UOL, a Rio de Janeiro

08/08/2016 01:21

Getty Images

I turisti stranieri in cerca di sesso facile, prostitute per le strade, lo sfruttamento sessuale di minorenni... Quando si tratta di grandi eventi come le Olimpiadi, questi problemi vengono sempre in primo piano. Ma il Rio de Janeiro delle Olimpiadi vive uno scenario diverso. Le squille prevedono tempi di vacche magre, con la crisi economica e una forte repressione della polizia. E la domanda va ben oltre: loro combattono una lotta ideologica contro un gruppo legato al femminismo radicale.

Il confronto tra ragazze squille e questa linea di donne femministe è stato riscaldato a gruppi di discussione e già ha portato conseguenze per le Olimpiadi. Mentre le prostitute sono in lotta per il diritto di esercitare la loro professione e di essere trattate come lavoratrici normali, le femministe radicali agiscono contro questa proposta.

L'attivista e avvocata Eloisa Samy, considerata una delle cape di questa linea del femminismo, ritiene che la prostituzione rappresenta la principale forma di sfruttamento delle donne in una società patriarcale. Pertanto, lei chiede di esistere una maggiore supervisione intorno alla sfruttamento della prostituzione durante i Giochi e difende anche maggiore intervento della polizia per inibire l'azione dei clienti e lo sfruttamento delle donne.

"Non posso ammettere che un evento olimpico, che valorizza il benessere delle persone con tali nobili ideali, serve una causa così bassa, che è la principale forma di sfruttamento delle donne e oggettivazione del nostro corpo", afferma Eloisa.

Eloisa ritiene che la pratica incoraggia il machismo e la violenza contro le donne. "La prostituzione è anche parte della cultura dello stupro, della industria della pornografia, dello sfruttamento dei minorenni, traffico di persone. Turisti maschi vengono qui solo per questo, e chi consuma sono uomini. Durante la Coppa del Mondo, miriadi di donne per le strade sono state chiamate troie da argentini. E si vede, sono i nostri vicini. Si è diffusa l'idea della brasiliana ipersessualizzata grandi tette, da vendere come un oggetto sessuale", si lamenta.

Femminista nella stessa linea, Daniela Lima è contro la repressione della polizia e lei accusa la polizia di far parte degli schemi di violenza contro le donne in situazioni vulnerabili. Ma lei sottolinea l'importanza della supervisione di pedofilia. "In una situazione di mega eventi, il turismo sessuale non è separato della pedofilia, non può essere staccato dallo sfruttamento di minorenni. È un quadro, una realtà. La prova di questo è che hanno colto spazi di sfruttamento minorile nel Villaggio Olimpico", afferma.

Vere femministe?

Luiza Oliveira/UOL

Prostituta e trans, Indianara Siqueira vuole lavorare alle Olimpiadi. Immagine: Luiza Oliveira / UOL

I sostenitori del lavoro delle squille, tuttavia, risentono le tentativi di ciò che essi considerano repressivi. Essi sostengono che la pratica è legale e non vi è alcuna relazione a reati come lo sfruttamento dei bambini, che dovrebbero essere ampiamente combattuti. Essi accusano ancora alcune linee del femminismo di diffondere un'immagine stigmatizzata delle professioniste che solo aumentano i pregiudizi nei loro confronti.

A loro avviso, è assurdo le donne femministe sostenere l'uso della forza di polizia contro ogni donna. "È una sciocchezza. La nostra forza di polizia uccide persone, è così patriarcale e maschilista, e loro difendono il diritto della polizia frenare le donne per certi comportamenti sessuali. Esse servono come le base di manovre per le tendenze più patriarcali e di destra del Congresso. Quando la questione è l'aborto, è diritto delle donne; quando è la vendita di sesso, lo Stato deve intervenire. Esse agiscono come se fossero del'estrema destra", dice Thaddeus Blanchette, coordinatore della ricerca etnografica dell'Osservatore delle Prostitute. Lui è studioso del tema e rappresentante dell'Associazione delle Prostitute nei Consigli Intrastato e Nazionale Antitratta.

Daniela Lima ribella con questo argomento. "Si tratta di un attacco confrontare le donne femministe con il banco religioso composto da uomini bianchi in situazione di potere. È assolutamente inaccettabile. La questione non è morale, ma politica", contrattacca.

La prostituta e trans Indianara Siqueira aumenta il coro contro le femministe. Per loro, le squille rappresentano, infatti, uno scontro contro il machismo. "Le prostitute hanno rapporti sessuali senza alcuna intenzione di riproduzione, li fanno pagare, loro rompono con il patriarcato. Le prostitute sono femministe che rompono, le più rivoluzionarie. Loro hanno la libertà, loro possiedono i loro corpi, libere e con potere. Sappiamo che ci sono donne che soffrono in la prostituzione, ma loro soffrono più in casa, sposate. La maggioranza delle donne sono violentate da uomini di fiducia in servizio del patriarcato e che hanno rapporti sessuali gratis. È più sicuro essere una puttana di una moglie in questa società", afferma.

Ma Daniela Lima litiga su questa libertà, in particolare per quanto riguarda la prostituzione delle donne nere e povere. "Anche a dire 'il mio corpo, la mia scelta' loro devono essere in una posizione di potere in relazione a se stesse. Chi fa queste regole? Queste donne stanno sopravvissuti. La maggior parte delle donne nere e povere si sono prostitute per un piatto di cibo. Quali sono le scelte che queste donne hanno? Sono degni? Dicendo questo si sta ignorando una serie di violenze che si verificano, donne violentate", sostiene.

La questione ha scosso sui social network e ha occupato tabelle in gruppi di discussione a Rio de Janeiro. Ma le discussioni sono state riscaldate e ci sono state accuse di attacchi verbali da entrambi i lati. Thaddeus Blanchette accusa Eloisa Samy chiamandolo "prosseneta" e "ruffiano". L'attivista si difende e lo accusa di disonesto, per aver inventato calunnie.

La grande battaglia si svolge intorno al disegno di legge Gabriela Leite, scritto dal deputato Jean Wyllys (PSOL - Rio de Janeiro), che regola l'attività dei lavoratori del sesso e sta in piedi alla Camera dei Rappresentanti. L'autore sostiene che l'emarginazione delle persone che si occupano di commercio del sesso conduce allo sfruttamento sessuale. Gli avversari, però, dicono il contrario. Essi sostengono che la legge andrà a beneficiare solo gli sfruttatori e incoraggerà l'sfruttamento della prostituzione, in quanto non garantisce le leggi sul lavoro alle squille.

L'unico accordo è che un tentativo di abolire la prostituzione sarà vano. Entrambi i gruppi difendono che le donne che si trovano in questa attività da potenziare se stesse e di avere una vita dignitosa. A causa di esso, è necessario investire in politiche pubbliche che supportano l'istruzione e dano loro condizioni di scegliere il percorso migliore per il futuro. "La domanda che io sostengo è l'inclusione sociale e l'aumento di scelte per queste donne ad avere scelte reali e non fittize", sostiene Daniela.

Vacche magre alle Olimpiadi

Mentre il governo non agisce sulla questione, le prostitute devono lavorare per guadagnarsi da vivere. Indianara spera di trarre profitto durante le Olimpiadi, ma lei dice che lo scenario è già difficile.

"Ci aspettiamo di guadagnare, ma abbiamo esperienza in Coppa del Mondo in cui abbiamo avuto non tanto profitto. Spero che le Olimpiadi portino più stranieri. Ma ci sarà una molto forte repressione, molti luoghi della prostituzione sono stati chiusi, luoghi in Copacabana sono stati chiusi. E c'è l'esercito per le strade di Copacabana, una grandissima repressione, un sacco di combattimento", dice. "La prostituzione non sarà facile, non avremo diritti regali. E non ci aspettiamo di avere i diritti regali, ma almeno che noi traiamo profitto ogni giorno", completa Indianara.

Ágata Oliveira è una altra lavoratora sessuale che vuole lasciare la città e trasferirsi a Copacabana, nel tentativo di avere più successo. Ma si lamenta: "C'è un sacco di polizia per le strade, sta difficile lavorare".

Contrariamente alla credenza popolare, le Olimpiadi sono visti come un periodo difficile per i lavoratrici del sesso. Oltre ad un aumento della repressione della polizia nel tentativo di sterilizzare la città, le Olimpiadi hanno la reputazione di "evento di famiglia". Il concetto è diverso della Coppa del Mondo, considerata un evento prevalentemente maschile. L'unica scommessa per guadagnare di più sarebbe l'idea di una maggiore libertà sessuale degli atleti, sfruttata per l'ampia distribuzione di preservativi nel Villaggio Olimpico.

Anche se dipende dalla domanda nella Coppa del Mondo, lo scenario non sarà favorevole. L'Osservatorio della Prostituzione ha fatto uno studio nel corso della Coppa del Mondo e ha concluso che vi è stato un calo della domanda del 15%. Nelle Olimpiadi, questo calo promette di essere più pronunciato. Thaddeus afferma che il pubblico delle squille non è i turisti stranieri, ma la classe operaia di Rio che frequenta i bordelli della città o della Vila Mimosa nei giorni feriali. Nei giorni che sono emanate le vacanze, questo pubblico non appare. Il lavoro aumenterebbe solo nella zona di Copacabana, che concentra turisti stranieri.

"Il flusso di stranieri in Coppa del Mondo non ha compensato l'assenza di lavoratori brasiliani in centro. Abbiamo visitato 89 case chiuse, con le 20 più frequentate, quasi ogni giorno a Vila Mimosa e Copacabana. Si stima che c'è stata una diminuzione di 15%", afferma Thaddeus.

Questo lunedi, il Rio olimpico avrà il suo primo "giorno lavorativo". Il concorso sarà grande.

"Jogos 'família' veem briga ideológica de prostitutas e feministas radicais", UOL, 08 di agosto di 2016, http://olimpiadas.uol.com.br/noticias/redacao/2016/08/08/prostitutas-tem-guerra-contra-feminismo-e-preveem-prejuizo-em-jogos-familia.htm

La performance dell'avvocata Eloisa Samy dentro e fuori del tribunale

A 47 anni, Eloisa Samy Santiago è nota per difendere molte cause, dentro e fuori del tribunale. Nei giorni scorsi, l'avvocata della ragazza che ha subito lo stupro di gruppo - ormai fuori del caso - è tornata ad essere sotto i riflettori dei media, anche se gli amici e lei stessa assicurano che non è sua intenzione.

Le ultime volte in cui Eloisa ha apparso nei giornali erano a causa dei picchetti nel 2013 e il 2014, in cui ha partecipato come attivista. Accusata di essere stata coinvolta nei picchetti che si sono diffuse a Rio, l'avvocata risponde in una causa per associazione a delinquere presentata dal Pubblico Ministero di Stato di Rio de Janeiro (MP-RJ). Il caso non era ancora giudicato. Lei arrivò al punto in cui ha chiesto asilo politico al Consolato Uruguaiano, che è stato negato.

Laureata presso l'Università Cândido Mendes, a Ipanema, nella Zona Sud di Rio de Janeiro, l'avvocata agisce in diverse aree: Diritto Civile, Diritto Commerciale, Diritto del Lavoro, Diritto della Proprietà Intellettuale, Diritto Penale, e anche in Diritto Amministrativo, secondo il sito web di il suo ufficio di avvocata.

Una omosessuale confessata, Eloisa supporta diversi diritti delle donne, tra i quali, il diritto all'aborto. Vegetariana e appassionato con i gatti, la residente della Zona Nord mantiene uno stile spogliato, giocoso e solidale.

Estratto da "A atuação da advogada Eloisa Samy dentro e fora dos Tribunais", da Rafaella Barros, giornale Extra, Rio de Janeiro, 30 di maggio de 2016, http://extra.globo.com/casos-de-policia/a-atuacao-da-advogada-eloisa-samy-dentro-fora-dos-tribunais-19393767.html

Miei commenti

Nell'articolo nell'altro testo, abbiamo avuto due attivisti che sostengono la regolamentazione della prostituzione: un transessuale e un gay. L'unica prostituta ha detto che "prostituzione è uno stupro a pagamento". Nel primo articolo, la prostituta intervistata vuole continuare a lavorare. Stiamo migliorando.

E mentre gli uomini sono tutti uguali come passeri e sono stupratori di donne e bambini, le donne femministe che odiano la prostituzione hanno opinioni diverse: una pensa che sia giustificato chiamare la polizia per interrompere il lavoro delle altre donne e l'altra no. E due mesi e mezzo prima che il primo articolo, vediamo in un'altro articolo, dal quotidiano Extra, delle Organizzazioni Globo, che la lesbica paranoica che pensa che ogni uomo è uno stupratore è una persona adorabile. Oh, e vedi la giocosità di lei.

Eloisa Samy Santiago. Fonte: O Globo, http://oglobo.globo.com/rio/familia-dispensa-advogada-que-defendia-vitima-de-estupro-19393168

E qualcuna ha citato "investire in politiche pubbliche che supportano l'istruzione e dano loro condizioni di scegliere il percorso migliore per il futuro". Per me non allungare troppo, ricordo l'articolo di Belle Knox su Huffington Post il cui titolo tradotto è "Io non voglio la tua pietà: Lavoro Sessuale e Politica di Lavoro". Ricordando: lei ha fatto film porno per pagare il suo corso universitario e lei si dichiarò attivista femminista. Abbiamo Gabriela Leite che ha deciso diventare puttana dopo l'ingresso all'università. Abbiamo Nina Hartley, che è una porno star e attivista femminista, con un diploma di laurea in Infermieristica (lei era un'infermiera registrata durante la sua carriera porno). Così, per sostenere l'idea che il sesso in generale e la prostituzione in particolare è il degrado di una donna, la gente femministe spazzano le donne dissonanti sotto il tappeto anche all'interno del movimento stesso.

Ma nell'esperienza che abbiamo di lesbiche-socialisti difendendo l'istruzione, questa signora distinta non dovrebbe stare davvero pensando che le donne con un diploma universitario o in un corso universitario non prostituiscono o non fanno film pornografici. Lei potrebbe avere vagamente in mente che anche le prostitute con basso livello di istruzione che sono vittime di violenza veri mai immaginano se stessi come lesbiche arrabbiati che sostengono la cultura dello stupro (dicendo che esiste questa asinaggine). L'istruzione è importante, sì. L'educazione femminista per sostenere il movimento femminista, che comprende professori universitari che non spendono un mese senza mancare l'aula. Ma l'idea non è solo tenere una legione di parassiti lesbiche, è di creare una tirannia culturale di loro proprio sociopatia. Per questo, è valido utilizzare la polizia del patriarcato per scacciare le donne che si offrono sessualmente agli uomini.

Le femministe hanno detto che le donne sono il nero del mondo. Ora, i donne sono il nero del Femminismo.

Abigail Pereira Aranha

Questo testo in italiano senza filmati di dissolutezza in Men of Worth Newspaper: "Le donne sono i negri del Femminismo - episodio 3: 'quando la questione è l'aborto, è diritto delle donne; quando è la vendita di sesso, lo Stato deve intervenire'", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/08/le-donne-sono-i-negri-del-femminismo-episodio-3.html.
Questo testo in italiano con filmati di dissolutezza in Periódico de Los Hombres de Valía: "Le donne sono i negri del Femminismo - episodio 3: 'quando la questione è l'aborto, è diritto delle donne; quando è la vendita di sesso, lo Stato deve intervenire'", http://avezdoshomens2.blogspot.com/2016/08/le-donne-sono-i-negri-del-femminismo-3.html.
Ce texte en français sans films de libertinage au Men of Worth Newspaper: "Les femmes sont les nègres du Féminisme - épisode 3: 'lorsque la question est l'avortement, c'est droit des femmes; quand est la vente de sexe, l'État doit intervenir'", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/08/les-femmes-sont-les-negres-du-feminisme-episode-3.html.
Ce texte en français avec films de libertinage au Periódico de Los Hombres de Valía: "Les femmes sont les nègres du Féminisme - épisode 3: 'lorsque la question est l'avortement, c'est droit des femmes; quand est la vente de sexe, l'État doit intervenir'", http://avezdoshomens2.blogspot.com/2016/08/les-femmes-sont-les-negres-du-feminisme-3.html.
Eso texto en español sin películas de putaría en Men of Worth Newspaper: "Las mujeres son los negros del Feminismo - episodio 3: 'cuando el tema es el aborto, es derecho de la mujer; cuando es la venta de sexo, el Estado debe intervenir'", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/08/las-mujeres-son-los-negros-del-feminismo-episodio-3.html.
Eso texto en español con películas de putaría en Periódico de Los Hombres de Valía: "Las mujeres son los negros del Feminismo - episodio 3: 'cuando el tema es el aborto, es derecho de la mujer; cuando es la venta de sexo, el Estado debe intervenir'", http://avezdoshomens2.blogspot.com/2016/08/las-mujeres-son-los-negros-del-feminismo-3.html.
This text in English without licentiousness movies at Men of Worth Newspaper: "Women are the negroes of the Feminism - episode 3: 'when the issue is abortion, it's women's rights; when is sale of sex, the State must intervene'", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/08/women-are-the-negroes-of-the-feminism-episode-3.html.
This text in English with licentiousness movies at Periódico de Los Hombres de Valía: "Women are the negroes of the Feminism - episode 3: 'when the issue is abortion, it's women's rights; when is sale of sex, the State must intervene'", http://avezdoshomens2.blogspot.com/2016/08/women-are-negroes-of-feminism-episode-3.html.
Texto original em português sem filmes de putaria no A Vez das Mulheres de Verdade: "A mulher é o negro do Feminismo - episódio 3: 'quando a questão é aborto, é direito da mulher; quando é venda de sexo, o Estado deve intervir'", http://avezdasmulheres.over-blog.com/2016/08/a-mulher-e-o-negro-do-feminismo-episodio-3.html.
Texto original em português com filmes de putaria no A Vez dos Homens que Prestam: "A mulher é o negro do Feminismo - episódio 3: 'quando a questão é aborto, é direito da mulher; quando é venda de sexo, o Estado deve intervir'", http://avezdoshomens.blogspot.com/2016/08/a-mulher-e-o-negro-do-feminismo-3.html.
Seção de sexo, safadeza, putaria, mulher pelada, pornografia
Section of sex, lust, licentiousness, naked woman, pornography
Section de sexe, luxure, débauche, femmes nues, pornographie
Sezione de sesso, libertinaggio, lussuria, donna nuda, pornografia
Sección de sexo, perrez, putaría, mujer desnuda, pornografía
Rio Beach Babes 3
Gatinhas da praia do Rio de Janeiro 3
Belles filles de les plages de Rio de Janeiro 3
Bebés de la playa de Río de Janeiro 3
Belle ragazze de la spiaggia de Rio de Janeiro 3
Carnaval in Rio - Made in Brazil
Carnaval no Rio - feito no Brasil
Carnaval de Rio - fait au Brésil
Carnaval de Río - hecho en Brasil
Carnevale di Rio - prodotto in Brasile

Nessun commento:

Posta un commento

Facebook