mercoledì 1 giugno 2016

Selezione di tre articoli di Amnesty International per il 2 di giugno, Giornata Internazionale delle Prostitute

Movimento globale vota per adottare una politica per proteggere i diritti umani dei lavoratori del sesso

11 di agosto di 2015, 17:00 UTC

Un voto cruciale per proteggere i diritti umani dei lavoratori del sesso è stato approvato oggi a Dublino al forum decisionale di Amnesty International, il Consiglio di Reunione Internazionale (ICM). I delegati provenienti da tutto il mondo, hanno autorizzato il Consiglio internazionale per sviluppare e adottare una politica sulla questione.

"I lavoratori del sesso sono uno dei gruppi più emarginati nel mondo che nella maggior parte dei casi devono affrontare costante rischio di discriminazione, violenza e abuso. Il nostro movimento globale ha aperto la strada per l'adozione di una politica per la protezione dei diritti umani dei lavoratori del sesso che aiuterà a dare forma al futuro lavoro di Amnesty International su questo importante problema", ha detto Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International.

La risoluzione raccomanda che Amnesty International sviluppe una politica che sostiene la piena depenalizzazione di tutti gli aspetti del lavoro sessuale consensuale. La politica andrà anche invitare gli Stati a garantire che i lavoratori del sesso godono di protezione legale piena e pari dallo sfruttamento, la tratta e la violenza.

"Ci rendiamo conto che questo problema critico di diritti umani è estremamente complesso ed è per questo che abbiamo affrontato la questione dal punto di vista degli standard internazionali sui diritti umani. Abbiamo anche consultato con il nostro movimento globale per imbarcare diversi punti di vista da tutto il mondo", ha detto Salil Shetty.

La ricerca e la consultazione effettuata nello sviluppo di questa politica negli ultimi due anni hanno concluso che questo era il modo migliore per difendere i diritti umani dei lavoratori del sesso e ridurre il rischio di abusi e violazioni che loro affrontano.

Le violazioni che i lavoratori del sesso possono essere esposti includono la violenza fisica e sessuale, arresti e detenzioni arbitrari, estorsione e molestie, traffico di esseri umani, il test HIV ed interventi medici forzati. Essi possono anche essere esclusi dalla sanità e servizi di alloggio e di altre forme di protezione sociale e legale.

La politica è stata elaborata da una vasta base di conoscenze da fonti comprese le agenzie delle Nazioni Unite, come l'Organizzazione Mondiale della Sanità, UNAIDS e il Relatore Speciale delle Nazioni Unite sul Diritto alla Salute. Abbiamo anche condotto una ricerca in quattro paesi.

Alla consultazione hanno partecipato gruppi di lavoratori del sesso, i gruppi che rappresentano i sopravvissuti della prostituzione, le organizzazioni abolizioniste, femministe e altri rappresentanti dei diritti delle donne, attivisti LGBTI, le agenzie anti-tratta e le organizzazioni di HIV / AIDS.

Amnesty International considera ripugnante il traffico di esseri umani in tutte le sue forme, compreso lo sfruttamento sessuale, e dovrebbe essere criminalizzato come una questione di diritto internazionale. Questo è esplicito in questa nuova politica e tutto il lavoro di Amnesty International.

"Questo è un giorno storico per Amnesty International. Non è stata una decisione che è stata raggiunta facilmente o rapidamente e ringraziamo tutti i nostri membri da tutto il mondo, così come tutti i numerosi gruppi che abbiamo consultato, per il loro importante contributo a questo dibattito. Loro hanno aiutato a noi a raggiungere una decisione importante che darà forma a questa zona del nostro lavoro sui diritti umani in futuro", ha detto Salil Shetty.

"Global movement votes to adopt policy to protect human rights of sex workers", Amnesty International, https://www.amnesty.org/en/latest/news/2015/08/global-movement-votes-to-adopt-policy-to-protect-human-rights-of-sex-workers

Diritti dei lavoratori del sesso sono diritti umani

Da Catherine Murphy, consulente politica di Amnesty International, 14 di agosto di 2015, 09:00 UTC

Lavoratori del sesso di tutto il mondo affrontano un rischio costante di abuso. Non è una novità. Né è una novità che essi sono un gruppo estremamente emarginato di persone, spesso costrette a vivere al di fuori della legge.

Nessuno sarebbe sorpreso di apprendere che loro affrontano la discriminazione, battiti, stupri e molestie - a volte su base giornaliera - o che sono spesso negati l'accesso ai servizi sanitari e di alloggio di base.

Ma quando è sparsa la voce che Amnesty International aveva avviato una consultazione per sviluppare una politica per proteggere i diritti umani dei lavoratori del sesso, è stato come accendere una miccia. I giornalisti e celebrità seguirono la moda. Titoli sempre più sensazionali condannarono Amnesty International per aver sostenuto per "prostituzione come un diritto umano".

Come organizzazione globale dei diritti umani, Amnesty International ha la responsabilità di valutare il modo migliore per prevenire le violazioni dei diritti umani. Come tale, è giusto e conveniente che dovremmo guardare uno dei gruppi più svantaggiati di persone in tutto il mondo, spesso costretti a vivere al di fuori della legge e negati ai più elementari diritti umani fondamentali: i lavoratori del sesso.

Abbiamo scelto di sostenere per la depenalizzazione di tutti gli aspetti del sesso adulto consensuale - lavoro sessuale che non comporta la coercizione, sfruttamento o abuso. Questo si basa su prove e l'esperienza di vita reale dei lavoratori del sesso stessi che la criminalizzazione li rende meno sicuri.

Abbiamo raggiunto questa posizione attraverso la consultazione di una vasta gamma di individui e gruppi, inclusi ma non limitati a: i lavoratori del sesso, gruppi di superstite e abolizionisti, agenzie di HIV, attivisti per i diritti di donne e LGBTI, gruppi di donne indigene, gruppi anti-tratta e accademici di primo piano.

Abbiamo trascorso più di due anni nella raccolta di prove, attraverso incontri con centinaia di individui e organizzazioni. Abbiamo condotto ricerche di prima mano nel vissuto dei lavoratori del sesso in diversi contesti nazionali e legali.

Vorremmo pretendere di essere il primo ad affrontare questo problema. Ma noi non siamo. Altri gruppi che sostengono o stanno invitando per la depenalizzazione del lavoro sessuale includono l'Organizzazione Mondiale della Sanità, UNAIDS, Organizzazione Internazionale del Lavoro, l'Alleanza Globale Contro la Tratta delle Donne, la Rete Globale di Progetti di Lavoro Sessuale, la Commissione Globale su l'HIV e la Legge, Human Rights Watch, Open Society Foundations e la Contro Schiavitù International.

Abbiamo in ogni momento impegnati a combattere il traffico. La tratta è un abuso aberrante dei diritti umani e deve essere criminalizzata come una questione di diritto internazionale. Noi non consideriamo che un donne vittime di tratta che è costretta a vendere sesso sia una "lavoratora sessuale". Lei è una donna vittima della tratta e merita protezione in quanto tale.

Ogni incursione nella vita dei lavoratori del sesso rivela tante questioni cruciali per i diritti umani che hanno urgente bisogno di si affrontare. Come possiamo ridurre la minaccia della violenza ai lavoratori di sesso? Cosa si può fare per garantire il loro accesso alle cure mediche e aiuto a prevenire l'HIV? E come possono la discriminazione e la emarginazione sociali che hanno messo i lavoratori del sesso a maggior rischio di abuso essere fermate? Queste domande sulla salute, la sicurezza e l'uguaglianza davanti alla legge sono più importanti di qualsiasi obiezione morale alla natura del lavoro sessuale.

Per essere chiari, la nostra politica non è di proteggere "protettori". Amnesty International ritiene fermamente che coloro che sfruttano o maltrattano i lavoratori sessuali devono essere criminalizzati. Ma la realtà è leggi che criminalizzano "sostenere un bordello" e "promozione" spesso portano ai lavoratori di sesso essere arrestati e perseguiti loro stessi. In Norvegia abbiamo trovato prove che i lavoratori del sesso sono stati regolarmente sfrattati dalle loro case sotto le cosiddette "leggi di sfruttamento della prostituzione". In molti paesi del mondo, due lavoratrici del sesso che lavorano insieme per la sicurezza è considerato un "bordello".

Quello che vogliamo è una rifocalizzazione delle leggi per affrontare gli atti di sfruttamento, abuso e traffico - piuttosto che il prendere-tutti-i-reati che solo criminalizzano e mettono in pericolo i lavoratori del sesso.

Non si può entrare in questo dibattito senza riconoscere che è spesso le donne e gli uomini che vivono ai margini della società che sono costretti al lavoro sessuale. Potrebbe essere il loro unico modo per guadagnarsi da vivere. Depenalizzare il loro lavoro non significa condonare un mondo che li porta sulle strade. Vogliamo loro di godere di tutti i loro diritti umani e continueremo a lottare per un mondo in cui ciò è possibile.

Non dobbiamo allontanarci da persone come la donna in Papua Nuova Guinea che ha parlato a noi sulla vece che ha cercato di raccontare gli abusi da un client alla polizia solo per sentirsi dire che loro non vogliono "perdere tempo" con lavoratrici sessuali. Né si deve ignorare ciò che accade a Hong Kong, dove la polizia è autorizzata a ricevere "servizi sessuali" da lavoratori del sesso al fine di raccogliere prove.

Era chiaro fin dall'inizio che questo non sarebbe stato facile. Qualsiasi posizione porta inevitabilmente ad acque tempestose. Ma speriamo che l'intenso dibattito che abbiamo scatenato - nei media e oltre - in ultima analisi, contribuirà a portare a una migliore protezione dei lavoratori del sesso.

"Sex Workers' Rights are Human Rights", Amnesty International, https://www.amnesty.org/en/latest/news/2015/08/sex-workers-rights-are-human-rights

La decisione sugli obblighi dello Stato di rispettare, proteggere e realizzare i diritti umani dei lavoratori sessuali

Il Consiglio Internazionale

CHIEDE al'International Board ad adottare una politica che cerca raggiungimento del più alto possibile di protezione dei diritti umani dei lavoratori del sesso, attraverso misure che includono la depenalizzazione del lavoro sessuale, tenendo conto:

  1. Il punto di partenza di prevenire e correggere le violazioni dei diritti umani contro i lavoratori del sesso, e in particolare la necessità per gli Stati di non solo la revisione e abrogazione delle leggi che rendono i lavoratori di sesso vulnerabili alle violazioni dei diritti umani, ma astenersi da emanare tali leggi.
  2. L'impegno generale di Amnesty International alla promozione dell'uguaglianza di genere e dei diritti delle donne.
  3. L'obbligo degli Stati di proteggere ogni individuo nella loro giurisdizione da politiche, leggi e pratiche discriminatorie, dato che lo stato e l'esperienza di essere discriminati sono spesso fattori chiave in quello che porta le persone a impegnarsi in lavoro sessuale, così come ad aumentare la vulnerabilità alla violazioni dei diritti umani durante le operazioni di lavoro sessuale e nella limitazione di opzioni per cessare volontariamente il coinvolgimento nel lavoro sessuale.
  4. Il principio di riduzione del danno.
  5. Gli Stati hanno l'obbligo di prevenire e combattere la tratta a fini di sfruttamento sessuale e di proteggere i diritti umani delle vittime della tratta.
  6. Gli Stati hanno l'obbligo di garantire che i lavoratori del sesso sono protetti dallo sfruttamento e possono utilizzare il diritto penale per affrontare gli atti di sfruttamento.
  7. Qualsiasi atto legati allo sfruttamento sessuale di un bambino deve essere criminalizzati. Riconoscere che un bambino coinvolto in un atto sessuale commerciale è vittima di sfruttamento sessuale, con diritto di aiutto, riparazioni, e rimedi, in linea con il diritto umano internazionale, e che gli Stati devono prendere tutte le misure appropriate per prevenire lo sfruttamento sessuale e l'abuso dei bambini.
  8. La prova che i lavoratori del sesso spesso si impegnano in lavoro sessuale a causa di emarginazione e limitate scelte, e che quindi Amnesty International sollecitaranno agli Stati ad adottare misure adeguate per realizzare i diritti economici, sociali e culturali di tutte le persone in modo che nessuna persona salga lavoro sessuale contro la sua volontà o sia costretta a fare affidamento su di esso come loro unico mezzo di sopravvivenza, e per garantire che le persone sono in grado di fermare il lavoro sessuale se e quando lo desiderano.
  9. Garantire che la politica cerca di massimizzare la protezione di tutta la gamma dei diritti umani - in aggiunta alla parità di genere, i diritti delle donne, e non discriminazione - relative al lavoro sessuale, in particolare la sicurezza della persona, i diritti dei bambini, l'accesso alla giustizia, il diritto alla salute, i diritti dei popoli indigeni e il diritto ad un sostentamento.
  10. Riconoscere e rispettare l'agenzia di lavoratori del sesso di articolare le proprie esperienze e definire le soluzioni più adeguate per garantire i propri benessere e sicurezza, ma anche di rispetto ai principi delle più ampie principii di diritti umani internazionali in materia di partecipazione ai processi decisionali, come ad esempio il principio di consenso libero, preventivo e informato rispetto alle popolazioni indigene.
  11. Le prove da Amnesty International e da ricerca esterna sulle esperienze vissute dei lavoratori del sesso, e sul'impatto nei diritti umani di varii diritti penali e approcci normativi al lavoro sessuale.
  12. La politica sarà pienamente coerente con le posizioni di Amnesty International nei confronti di acconsentire ad attività sessuale, anche in contesti che coinvolgono l'abuso di potere o di posizioni di autorità.
  13. Amnesty International non prende posizione sulla questione se il lavoro sessuale dovrebbe essere formalmente riconosciuto come lavoro ai fini della regolazione. Uniti possono imporre restrizioni legittime sulla vendita di servizi sessuali, a condizione che tali restrizioni siano conformi ai diritti umani internazionali, in particolare nel senso che devono essere per uno scopo legittimo, previsto dalla legge, necessarie e proporzionate al fine legittimo cercato di essere raggiunto, e non discriminatorie.

La politica sarà in grado di applicazione flessibile e reattiva attraverso e all'interno di diverse giurisdizioni, riconoscendo che gli enti di Amnesty possono intraprendere lavori su diversi aspetti di questa politica e possono adottare un approccio incrementale per questo lavoro (ai sensi e nei limiti di questa politica) sulla base di valutazioni di specifici contesti legali e politiche.

L'International Board farà in modo che, a seguito della pubblicazione del rapporto finale di ricerca, sezioni e strutture hanno l'opportunità di esaminare e dare un feedback sulla politica finale bozza prima della sua adozione.

Sul giorno in cui Amnesty International ha votato a perseguire una politica per proteggere i diritti umani dei lavoratori sessuali, il vice direttore di Europa Gauri van Gulik spiega perché, che cosa significa e la necessità per i lavoratori di sesso di avere diritti umani.

"Decision on State obligations to respect, protect, and fulfil the human rights of sex workers", Amnesty International, https://www.amnesty.org/en/policy-on-state-obligations-to-respect-protect-and-fulfil-the-human-rights-of-sex-workers

Traduzioni:

Abigail Pereira Aranha

Questo testo in italiano in Men of Worth Newspaper: "Selezione di tre articoli di Amnesty International per il 2 di giugno, Giornata Internazionale delle Prostitute", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/06/selezione-di-tre-articoli-di-amnesty-international-per-il-2-di-giugno.html.
Questo testo in italiano in Periódico de Los Hombres de Valía: "Selezione di tre articoli di Amnesty International per il 2 di giugno, Giornata Internazionale delle Prostitute", http://avezdoshomens2.blogspot.com.br/2016/06/selezione-di-tre-articoli-di-amnesty.html.
Ce texte en français au Men of Worth Newspaper: "Sélection de trois articles par Amnesty International pour le 2 de juin, Journée Internationale des Prostituées", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/06/selection-de-trois-articles-par-amnesty-international-pour-le-2-de-juin.html.
Ce texte en français au Periódico de Los Hombres de Valía: "Sélection de trois articles par Amnesty International pour le 2 de juin, Journée Internationale des Prostituées", http://avezdoshomens2.blogspot.com.br/2016/06/selection-de-trois-articles-par-amnesty.html.
Eso texto en español en Men of Worth Newspaper: "Selección de tres artículos de Amnistía Internacional para el 2 de junio, Día Internacional de las Putas", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/06/seleccion-de-tres-articulos-de-amnistia-internacional-para-el-2-de-junio.html.
Eso texto en español en Periódico de Los Hombres de Valía: "Selección de tres artículos de Amnistía Internacional para el 2 de junio, Día Internacional de las Putas", http://avezdoshomens2.blogspot.com.br/2016/06/seleccion-de-tres-articulos-de-amnistia.html.
Este texto em português no A Vez das Mulheres de Verdade: "Seleção de três artigos da Anistia Internacional para 2 de junho, Dia Internacional da Prostituta", http://avezdasmulheres.over-blog.com/2016/06/selecao-de-tres-artigos-da-anistia-internacional-para-2-de-junho.html.
Este texto em português no A Vez dos Homens que Prestam: "Seleção de três artigos da Anistia Internacional para 2 de junho, Dia Internacional da Prostituta", http://avezdoshomens.blogspot.com.br/2016/06/selecao-de-tres-artigos-da-anistia.html.
Original text in English at Men of Worth Newspaper: "Selection of three articles by Amnesty International for June 2, International Whores' Day", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/06/selection-of-three-articles-by-amnesty-international-for-june-2.html.
Original text in English at Periódico de Los Hombres de Valía: "Selection of three articles by Amnesty International for June 2, International Whores' Day", http://avezdoshomens2.blogspot.com.br/2016/06/selection-of-three-articles-by-amnesty.html.

Nessun commento:

Posta un commento

Facebook