venerdì 3 giugno 2016

Domande e Risposte: la politica per proteggere i diritti umani dei lavoratori del sesso

1. Perché Amnesty International ha bisogno di una politica per proteggere i diritti umani dei lavoratori del sesso?

Perché i lavoratori del sesso sono ad alto rischio di violazioni dei diritti umani in molti paesi in tutto il mondo. La nostra politica delinea ciò che i governi dovrebbero fare per proteggerli meglio.

2. Di che tipo di abusi sono i lavoratori del sesso a rischio?

I lavoratori del sesso sono a rischio di tutta una serie di violazioni dei diritti umani, tra cui:

  • Stupro
  • Violenza
  • Tratta
  • Estorsione
  • Arresti e detenzioni arbitrari
  • Sgombero forzato dalle loro case
  • Molestia
  • Discriminazione
  • Esclusione dai servizi sanitari
  • Test HIV forzata
  • Mancanza di ricorso legale

Noi abbiamo registrato molti casi in cui la polizia - così come i clienti, ed altri membri del pubblico in generale - hanno inflitto abusi contro i lavoratori di sesso impunemente.

3. Che cosa dice la vostra politica i governi dovrebbero fare per fermare questo?

Si dice che i governi dovrebbero proteggere, rispettare e soddisfare i diritti dei lavoratori del sesso, tra cui:

  • Proteggereli dai pericoli, dallo sfruttamento e dalla coercizione
  • Garantire che possano partecipare allo sviluppo di leggi e politiche che riguardano le loro vite e la sicurezza
  • Garantire l'accesso a salute, istruzione ed opzioni di occupazione

Si chiede inoltre la depenalizzazione di lavoro sessuale sulla base di prove che la criminalizzazione rende i lavoratori del sesso meno sicuri, impedendo loro di garantire la protezione della polizia e fornendo impunità ai abusatori.

Potete leggere la politica di completo qui.

4. Che cosa significa la depenalizzazione del lavoro sessuale?

Ciò non significa la rimozione delle leggi che criminalizzano sfruttamento, tratta degli esseri umani o la violenza contro le lavoratori del sesso. Queste leggi devono rimanere e possono e devono essere rafforzate.

Ciò significa la rimozione di leggi e politiche che criminalizzano o penalizzano il lavoro sessuale.

Questo include le leggi ei regolamenti relativi alla vendita e l'acquisto o l'organizzazione di lavoro sessuale, come la sollecitazione, affitto di locali, "sostenere bordello" e vivere dei proventi della "prostituzione".

Usiamo il termine "lavoro sessuale" solo per gli scambi consensuali tra adulti.

5. Perché l'Amnesty International sostiene la depenalizzazione?

Sotto questo modello vi è una migliore portata da proteggere ei diritti dei lavoratori di sesso - sia che si tratti di:

  • l'accesso alle cure sanitarie;
  • la loro capacità di denunciare i crimini alle autorità;
  • la loro capacità di organizzare e lavorare insieme per una maggiore sicurezza;
  • o il conforto di sapere che la loro famiglia non sarà accusata per "vivere dei proventi" del lavoro sessuale.

6. Coloro che vendono sesso hanno bisogno di protezione, ma perché proteggere i "protettori"?

La nostra politica non è di proteggere "protettori". Chiunque abusa o sfrutta i lavoratori del sesso deve essere rivolto tutta la forza della legge.

Facciamo notare, tuttavia, il problema reale con la cosiddette "legge di sfruttamento della prostituzione" - che danneggiano spesso i lavoratori del sesso se stessi, piuttosto che i loro aguzzini, perché sono eccessivamente ampie e non mirate a sufficienza.

Ad esempio, in molti paesi, due lavoratori del sesso che lavorano insieme per la loro sicurezza è considerato un bordello ed è quindi illegale.

Amnesty International ritiene che la legge dovrebbe essere utilizzata per affrontare gli atti di sfruttamento, abuso e il traffico nel lavoro sessuale; ma noi non crediamo che cattura-tutti i reati che rendono la vita dei lavoratori del sesso meno sicuri sono il modo più efficace per farlo.

7. L'Amnesty International crede che pagare per il lavoro sessuale è un diritto umano?

No. La nostra politica non riguarda i diritti degli acquirenti di sesso. È interamente focalizzata sulla protezione dei lavoratori sessuali, che affrontano una serie di violazioni dei diritti umani legate alla criminalizzazione.

Né Amnesty crede che l'acquisto di sesso è un diritto umano (ma crediamo che i lavoratori di sesso hanno diritti umani!).

Per essere chiari: il sesso deve essere concordato tra le persone in ogni momento. Nessuna persona può lo chiedere come il loro diritto.

8. Come la legalizzazione del lavoro del sesso è diversa da depenalizzazione?

La legalizzazione è diversa da depenalizzazione e non è il modello che stiamo proponendo.

Al posto della rimozione delle leggi che criminalizzano i lavoratori del sesso, la legalizzazione significa l'introduzione di leggi e politiche specifiche per il lavoro sessuale per li regolare formalmente.

Amnesty non si oppone alla legalizzazione di per sé; ma i governi devono assicurarsi che il sistema rispetta i diritti umani dei lavoratori del sesso.

Prendiamo atto che vi è ancora spazio per la criminalizzazione e relativi abusi dei diritti umani sotto la legalizzazione quando alcuni lavoratori del sesso possono essere lasciati operare al di fuori della legge nei sistemi legalizzati.

Un esempio particolarmente cattivo di come la legalizzazione può andare storto è la Tunisia. I lavoratori del sesso tunisini che lavorano nei bordelli autorizzati che desiderano lasciare il posto di lavoro devono ottenere l'autorizzazione da parte della polizia e dimostrare che possono guadagnarsi da vivere con mezzi "onesti". Coloro che operano al di fuori di questi regolamenti sono ancora criminalizzati, senza protezione della legge.

9. Depenalizzare il lavoro sessuale non va esattamente incoraggiare il traffico di esseri umani?

Per essere chiari: depenalizzare il lavoro sessuale non significherebbe la rimozione delle sanzioni penali per il traffico. La tratta è un'aberrante violazione dei diritti umani. Gli Stati devono avere leggi in vigore che criminalizzano il traffico, e utilizzarli in modo efficace per proteggere le vittime e portare i trafficanti alla giustizia.

Non vi è alcuna prova attendibile per implicare che la depenalizzazione del lavoro sessuale incoraggerebbe il traffico di esseri umani.

Ma la criminalizzazione del lavoro sessuale può ostacolare la lotta contro il traffico - per esempio, le vittime possono essere riluttanti a farsi avanti se temono che la polizia prenderà provvedimenti contro di loro per la vendita di sesso. Dove è criminalizzato il lavoro sessuale, i lavoratori del sesso sono esclusi anche dalle protezioni del posto di lavoro che potrebbero aumentare la sorveglianza e aiutare a identificare e prevenire la tratta.

Diverse organizzazioni anti-traffico tra cui la Freedom Network USA, l'Alleanza Globale Contro il Traffico di Donne e La Strada International credono che la depenalizzazione del lavoro sessuale avrebbe avuto un ruolo positivo da svolgere nella lotta contro il traffico.

10. La depenalizzazione del lavoro sessuale non daneggiarà i diritti delle donne e porterà a un'ulteriore disuguaglianza di genere nel mondo?

La disuguaglianza di genere può avere una grande influenza sul ingresso delle donne nel lavoro del sesso; ma la criminalizzazione non affronta questo - rende solo la loro vite meno sicure.

Lo stesso vale per i transessuali e lavoratori sessuali del sesso maschile - molti dei quali sono gay o bisessuali - che subiscono discriminazione e la disuguaglianza.

Gli Stati devono combattere la discriminazione e gli stereotipi di genere nocivi, dare l'autonomia alle donne ed altri gruppi emarginati, e garantire che nessuno manchi valide alternative per fare una vita.

11. Perché l'Amnesty International non supporta il Modello Nordico?

Indipendentemente dalla loro intenzione, leggi contro l'acquisto di sesso e contro l'organizzazione del lavoro sessuale possono danneggiare le lavoratrici sessuali.

Spesso significano che le lavoratrici del sesso devono prendere più rischi per proteggere gli acquirenti di rilevamento da parte della polizia.

Ad esempio, i lavoratori di sesso ci hanno detto circa di si sentire sotto pressione per visitare case dei clienti in modo che gli acquirenti possono evitare la polizia - che significa che i lavoratori del sesso hanno meno controllo e possono compromettere la loro sicurezza.

Sotto il Modello Nordico, i lavoratori del sesso sono ancora penalizzati per lavorare insieme, o per si organizzare, in modo da tenersi al sicuro.

Essi possono anche affrontare difficoltà nel garantire un alloggio perc é i loro proprietari possono essere perseguiti per aver lasciato locali a loro. Questo può portare a sgomberi forzati dei lavoratori del sesso dalle loro case.

12. Quindi questo non è Amnesty promuovere l'industria di lavoro sessuale?

Amnesty International né sostiene né condanna il sesso commerciale.

Ma noi condanniamo con forza le violazioni dei diritti umani commesse contro le persone che vendono il sesso e la discriminazione che loro confrontano; e crediamo che la depenalizzazione è un passo importante verso affrontare questo.

13. Che dire di coloro che sono in disaccordo con voi?

Ci rendiamo conto che ci sono differenze fondamentali di opinione sul tema della depenalizzazione del lavoro sessuale e rispettiamo le opinioni di coloro che non sono favorevole alla posizione che abbiamo preso.

Vogliamo avere un dialogo rispettoso e aperto circa i modi migliori per proteggere i diritti umani dei lavoratori del sesso.

Crediamo che ci sono molte aree di accordo - come garantire che coloro che stano in, o che possono prendere in considerazione, il lavoro sessuale hanno accesso a forme alternative di ottenere un sostentamento e possono li lasciare quando scelgono.

14. Quali prove ha l'Amnesty per il backup della sua posizione?

Amnesty International ha trascorso più di due anni per sviluppare la nostra politica per proteggere i diritti umani dei lavoratori del sesso, che si basa su una solida ricerca e consultazione con una vasta gamma di organizzazioni e persone.

Abbiamo guardato il vasto lavoro svolto da organizzazioni come Organizzazione Mondiale della Sanità, UNAIDS, il Relatore Speciale delle Nazioni Unite sul Diritto alla Salute ed altre agenzie delle Nazioni Unite. Abbiamo anche cercato le posizioni di altri come la Global Alliance Contro il Traffico di Donne.

Abbiamo condotto una dettagliata ricerca di prima mano in Argentina, Hong Kong, Norvegia e Papua Nuova Guinea e abbiamo consultato più di 200 lavoratori del sesso provenienti da tutto il mondo.

I nostri uffici in tutto il mondo hanno contribuito alla politica attraverso la consultazione ampia e aperta con gruppi dei lavoratori del sesso, gruppi che rappresentano i sopravvissuti di prostituzione, organizzazioni che promuovono la criminalizzazione, femministe e altri rappresentanti dei diritti delle donne, attivisti LGBTI, agenzie anti-tratta, attivisti HIV / AIDS e molti altri.

Questo processo è stato completato da ricerche precedenti dei diritti umani di Amnesty International che mette in luce gli abusi contro i lavoratori del sesso incluso ma non limitato a:

  • Il nostro rapporto sulla Violenza Contro le Donne in Uganda dove abbiamo evidenziato i casi di donne che li ha detto che perché stavano vendendo sesso loro stavano "chiedendo per esso", che "una prostituta non può essere violentata"
  • La nostra dichiarazione pubblica invitando la Grecia per fermare la criminalizzazione e la stigmatizzazione dei presunti lavoratori del sesso trovati di essere sieropositivi
  • Il nostro rapporto sull'uso della tortura in Nigeria e in che modo le lavoratrici sessuali sono state particolarmente di mira dalla polizia per stupro e tangenti finanziari
  • Le nostre Azioni Urgenti sulla mira e uccisioni di lavoratrici sessuali in Honduras e lo sgombero e l'abuso di lavoratrici sessuali da parte della polizia in Brasile
  • Il nostro rapporto sulla Tunisia che dettagliò su come i lavoratori del sesso sono vulnerabili allo sfruttamento sessuale, ricatti ed estorsioni in primo luogo da parte della polizia

Il contenuto di questa pagina è stato aggiornato il 26 maggio 2016 a seguito della pubblicazione della politica di Amnesty International sui diritti dei lavoratori del sesso a fianco di quattro nuovi rapporti di ricerca sulla Norvegia, Hong Kong, la Papua Nuova Guinea e l'Argentina.

"Q&A: policy to protect the human rights of sex workers", Amnesty International, https://www.amnesty.org/en/qa-policy-to-protect-the-human-rights-of-sex-workers

Traduzione:

Abigail Pereira Aranha

Questo testo in italiano in Men of Worth Newspaper: "Domande e Risposte: la politica per proteggere i diritti umani dei lavoratori del sesso", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/06/domande-e-risposte-la-politica-per-proteggere-i-diritti-umani-dei-lavoratori-del-s.html.
Questo testo in italiano in Periódico de Los Hombres de Valía: "Domande e Risposte: la politica per proteggere i diritti umani dei lavoratori del sesso", http://avezdoshomens2.blogspot.com.br/2016/06/domande-e-risposte-la-politica-per.html.
Ce texte en français au Men of Worth Newspaper: "Questions et Réponses: politique de protection des droits humains des travailleurs du sexe", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/06/questions-et-reponses-politique-de-protection-des-droits-humains-des-travailleurs-du-s.html.
Ce texte en français au Periódico de Los Hombres de Valía: "Questions et Réponses: politique de protection des droits humains des travailleurs du sexe", http://avezdoshomens2.blogspot.com.br/2016/06/questions-et-reponses-politique-de.html.
Eso texto en español en Men of Worth Newspaper: "Preguntas y Respuestas: política de protección de los derechos humanos de los trabajadores sexuales", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/06/preguntas-y-respuestas-politica-de-proteccion-de-los-derechos-humanos-de-los-trabajadores-s.html.
Eso texto en español en Periódico de Los Hombres de Valía: "Preguntas y Respuestas: política de protección de los derechos humanos de los trabajadores sexuales", http://avezdoshomens2.blogspot.com.br/2016/06/preguntas-y-respuestas-politica-de.html.
Este texto em português no A Vez das Mulheres de Verdade: "Perguntas e Respostas: política para proteger os direitos humanos dos profissionais do sexo", http://avezdasmulheres.over-blog.com/2016/06/perguntas-e-respostas-politica-para-proteger-os-direitos-humanos-dos-profissionais-do-s.html.
Este texto em português no A Vez dos Homens que Prestam: "Perguntas e Respostas: política para proteger os direitos humanos dos profissionais do sexo", http://avezdoshomens.blogspot.com.br/2016/06/perguntas-e-respostas-politica-para.html.
Original text in English reproduced at Men of Worth Newspaper: "Q&A: policy to protect the human rights of sex workers", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/06/q-a-policy-to-protect-the-human-rights-of-x-workers.html.
Original text in English reproduced at Periódico de Los Hombres de Valía: "Q&A: policy to protect the human rights of sex workers", http://avezdoshomens2.blogspot.com.br/2016/06/q-policy-to-protect-human-rights-of-sex.html.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...