lunedì 3 ottobre 2016

"Tu stare comunisto?"

Sao Paulo, 05 dicembre 2014 alle 00:00 da Olavo de Carvalho

Il defunto Jean Mellé, fondatore e direttore di "Notícias Populares", che sarebbe diventato un classico del giornalismo scandalo, era un rifugiato rumeno che aveva solide ragioni per odiare il comunismo. Grande e muscoloso, di tanto in tanto ha afferrato uno dei suoi subordinati per la gola, e, con uno feroce sguardo di Grande Inquisitore, ha chiesto: "Tu stare comunisto?". Se la risposta è stata "No", si sentiva soddisfatto.

Il novanta per cento dei casi, il convenuto era un membro del partito e andava a ridere del capo cui potere minaccioso viene neutralizzato a se stesso con una quantità patetica di ingegno.

Infatti, Mellé non era niente un ingenuo. Sapeva all'indietro l'ambiguità scivolosa della condotta dei comunisti. Non aveva illusione che camminavano con falce e martello impresso sulla fronte o che avrebbero dichiarare volentieri la loro identità ideologica. Si accontentava con una breve risposta solo perché non padroneggiava la lingua nazionale sufficiente per allungare la discussione. Voleva solo di infondere un po' di paura nei cuori dei comunisti, e l'ha preso. Essi sono stati vendicati con risatine forzate che diffondono il mito dell'avversario semplice di mente, un ragazzo grande stupido che anche i bambini possono trarre in inganno. Hanno mentito, e hanno mentito circa la menzogna: hanno nascosto il loro partito di appartenenza e fingevano che erano riusciti a ingannare "la destra". La soddisfazione a cui si permettevano in questa impresa ha finita per impregnare nelle loro menti, trasformando la contraffazione occasionale in una sintomatologia isterica completa e l'auto-inganno in uno stile di vita permanente.

Dopo mezzo secolo, il movimento comunista ha ancora nel giornalismo brasiliano un esercito di dipendenti fedeli cui tattica convincente di solito e quasi unica è quella di inventare una versione ridicolmente ingenua del comunismo, assegnarla alla destra e, demolendo con due o tre battute non divertenti, dichiarare la vittoria, venendo così dimostrato che il comunismo non esiste, è solo una fantasia paranoica di elementi di destra rabbiosi. È il buon vecchio risorso eristico "uomo di paglia", che in queste persone è diventata una seconda natura.

Alcuni dei praticanti di questa magia sciocca sono uomini esperti, formati in Avana e Praga. La prova più evidente del potere che hanno acquisito nelle redazioni è la naturalezza con la quale i periodi di stage in centri di propaganda e disinformazione nella Cortina di Ferro entrano nei loro curricula come prova di "esperienza giornalistica", come se la tecnica di mentire era la stessa cosa rispetto a quello di riferire i fatti. È ovvio che, almeno in passato, molte di queste creature gentili sono stati agenti pagati dei servizi segreti comunisti. I loro nomi, in ritardo di mezzo secolo, si stanno progressivamente rivelando dai documenti depositati a Praga presso l'Istituto per lo Studio dei Regimi Totalitari (v. https://www.youtube.com/watch?v=Dbt1rIg8FbI e https://www.youtube.com/watch?v=S0hcCDwS8xU).

Altri, più giovani, non hanno bisogno di viaggiare per ottenere i trucchi della prosa comunista. L'hanno imparati proprio qui, alle università di giornalismo che i signori citati nel paragrafo precedente hanno trasformati in centri di formazione della militanza almeno a partire dagli anni 70 del secolo scorso.

Il primo segno di che sei intelligente è la tua capacità di percepire che qualcun altro è più intelligente. Mutatis mutandis, il primo segno di stupidità è quello di assumere, sempre, che l'altro è più stupido di quanto non sia. In questo consiste l'artificio di retorica eristica che ho fatto riferimento: la persona definisce il comunismo nel modo più semplice di mente e meccanico e, sostenendo che questo comunismo non esiste (come del resto non può esistere), giunge alla conclusione che tutti gli anti-comunismo è un malattia mentale, fonte di violenza e di "crimini di odio".

La definizione utilizzata in questo trucco è la seguente: il comunismo è la statizzazione completa, improvvisa e ostentata dei mezzi di produzione e di tutta la proprietà privata. Il governatore prende il microfono e annuncia: "Guardate qui, gente, io sono un comunista. Ora chi governa questo schifo è il comunismo. Consegnate le vostre proprietà, o andrete al Gulag". Per i ragazzi come il signor Jô Soares e altre teste illuminate che guidano il pensiero nazionale, il fatto che esso non è mai successo è la prova conclusiva di che la minaccia comunista è solo una montatura creata per giustificare un colpo di Stato o qualcosa di peggio.

In contrasto con questa doppiezza scadente, vediamo che cosa è il vero comunismo, nella sua teoria e nella sua pratica in tutto il mondo.

Karl Marx ha insegnato che la statizzazione dei mezzi di produzione - la fase iniziale della costruzione del socialismo - sarebbe stato un processo complesso che deve essere esteso per molti decenni o secoli, e non poteva nemmeno iniziare prima che i mezzi di produzione capitalistici hanno raggiunti il suo massimo sviluppo possibile.

L'ultima cosa che un governatore comunista deve fare - soprattutto se è venuto al potere dai soliti percorsi democratici e senza spargimento di sangue - è, quindi, andare via statizzando tutto, smantellando la classe capitalista. È l'opposto: egli dovrebbe aiutare i capitalisti a guadagnare il denaro massimo che possono, mentre depone loro i mezzi di azione politica e ideologica. Il ruolo del capitalista in questa fase del socialismo è quello di fare soldi e non esprimere opinione, diventando più tanto prospero quanto più politicamente innocuo e asserviti alla classe dirigente comunista. Attirati da facili profitti, i capitalisti trasferiranno ai comunisti tutto il loro potere ideologico, in modo che, in tempi relativamente brevi, quattro cose accadono:

(1) In un regime pieno di prosperità capitalistica, ci sono solo idee comuniste in circolazione. In maniera più palese o più segrete, la propaganda comunista diventa l'unico discorso corrente nella società. L'idee concorrenti spariscono fino al punto di diventare impensabiles. Rimangono, nella migliore delle ipotesi, come vaghi miti di altre epoche. Un ultimo pezzo di "ideologia capitalista" rimane in aria, ridotto alla difesa della efficienza economica, la cui comunisti sarebbe stato gli ultimi a negare.

(2) La ricchezza cessa di essere un mezzo di azione politica indipendente e si riduce ad uno strumento di propaganda comunista. Ogni capitalista spende un sacco di soldi per eleggere comunisti e finanziare l'odio contro il capitalismo.

(3) Avere un conto bancario enorme dà meno potere che una tessera del partito o qualsiasi ufficio pubblico. Il potere politico-ideologico viene trasferito dalla borghesia al'elite del partito senza la proprietà capitalista subire qualsiasi graffio visibile.

(4) I comunisti, da parte loro, possono entrambi vantare di essere i dominatori assoluti della situazione e continuare a fare loro stessi come vittime indifese della borghesia. Vanno dal discorso minaccioso alle lacrime di autocommiserazione con facilità, e l'incoerenza stessa del loro atteggiamento serve a confondere ulteriormente il loro avversario.

In questa fase, non c'è guerra economica. Questo non è in procinto di prendere la proprietà del borghese, ma di privarli dei loro mezzi di auto-difesa ideologica.

Questo è il programma che il governo del PT (Partito dei Lavoratori) è stato compiendo alla lettera, questo è l'schema comunista vero e genuino. Non è un uomo di paglia, tanto meno si tratta di una minaccia: è la realtà in cui viviamo.

"Você estar comunisto?", Olavo de Carvalho, Diário do Comércio, 05 di dicembre di 2014, http://www.dcomercio.com.br/categoria/opiniao/voce_estar_comunisto e http://www.olavodecarvalho.org/semana/141205dc.html.

Traduzione: Abigail Pereira Aranha

Questo testo in italiano in Men of Worth Newspaper: "Tu stare comunisto?", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/10/tu-stare-comunisto.html.
Questo testo in italiano in Periódico de Los Hombres de Valía: "Tu stare comunisto?", http://avezdoshomens2.blogspot.com/2016/10/tu-stare-comunisto.html.
Ce texte en français au Men of Worth Newspaper: "Être-tu communiste?", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/10/etre-tu-communiste.html.
Ce texte en français au Periódico de Los Hombres de Valía: "Être-tu communiste?", http://avezdoshomens2.blogspot.com/2016/10/etre-tu-communiste.html.
Eso texto en español en Men of Worth Newspaper: "¿Tú estar comunisto?", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/10/tu-estar-comunisto.html.
Eso texto en español en Periódico de Los Hombres de Valía: "¿Tú estar comunisto?", http://avezdoshomens2.blogspot.com/2016/10/tu-estar-comunisto.html.
This text in English at Men of Worth Newspaper: "Do you be a Communist?", http://avezdoshomens2.over-blog.com/2016/10/do-you-be-a-communist.html.
This text in English at Periódico de Los Hombres de Valía: "Do you be a Communist?", http://avezdoshomens2.blogspot.com/2016/10/do-you-be-communist.html.
Texto original em português com atalho para o texto original no A Vez das Mulheres de Verdade: "Você estar comunisto?", http://avezdasmulheres.over-blog.com/2016/10/voce-estar-comunisto.html.
Texto original em português com atalho para o texto original no A Vez dos Homens que Prestam: "Você estar comunisto?", http://avezdoshomens.blogspot.com/2016/10/voce-estar-comunisto.html.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...