venerdì 12 giugno 2015

La violenza e lo sfruttamento contro le lavoratrici del sesso? È la criminalizzazione, sessofobico stupido! - Parte 1: marcia di lavoratrici del sesso in Honduras alla Giornata Internacional della Prostituta

Honduras: lavoratrici del sesso marciano per i loro diritti

(Video: EFE)

Mercoledì, 3 di giugno del 2015 | 10:40

Decine di donne della Rete di Lavoratrici Sessuali dell'Honduras hanno marciato martedì 2 di giugno a Tegucigalpa per chiedere il rispetto dei loro diritti e la giustizia per l'omicidio di 19 dei loro colleghi tra il 2013 e il 2014.

"Non siamo puttane, ni prostitute, siamo lavoratori del sesso e chiediamo giustizia", cantilenavano le donne durante il loro viaggio verso il Ministero Pubblico a Tegucigalpa.

Inguainate in una camicia rosa e molti con il volto coperto da una maschera, anche le donne hanno protestato a causa della discriminazione e la violenza di cui sono vittime.

"Giustizia, svolgi azioni per me" (nel originale, "ponte en mis tacones", letteralmente "metti mia calcagna", un gioco di parole con "ponte las botas", che significa "svolgi azioni intese" - Nota della Traduttora), "Non più discriminazione e stigmatizzazione" e "No più trattamenti crudeli, inumani o degradanti", si legge in altri banner che le donne portavano, in commemorazione la Giornata Internazionale della Lavoratora Sessuale.

Tra le manifestanti sono stati incluse alcune più di 50 e 60 anni.

"Io mi dedico a questo lavoro per 35 anni, ho quattro figlie e ho perso due figli. La mia situazione è difficile, ci sono giorni in cui non ci sono soldi", ha detto a EFE Teresa Cardona, 59 anni.

Lei ha aggiunto che non può leggere e scrivere perché non aveva alcuna possibilità di ricevere l'istruzione e che le loro figlie "non sono lavoratrici sessuali", ma si dedicano "a servire le loro case e prendersi cura dei loro figli".

Le donne hanno chiesto al governo dell'Honduras la regolamentazione del lavoro sessuale in modo che siano garantiti al accesso ai diritti e alle condizioni dignitose e sicure per il suo esercizio.

La mancanza di regolamentazione "rende che molto spesso soffriamo detenzioni arbitrarie, estorsione e minacce, essendo ricorrenti trattamenti crudeli, degradanti e inumani che si manifesta sotto forma di violenza istituzionale", hanno detto le donne in un comunicato.

Hanno anche chiesto al governo l'impunità zero nei casi dei 19 lavoratrici del sesso uccise, assistenza completa nei servizi sanitari e la garanzia dei loro diritti civili, politici, culturali, economici e sociali.

"Allo stesso modo richiediamo ai cittadini honduregni di rispettare la nostra decisione di lavorare come lavoratrici del sesso, una professione che non deve essere discriminata o stigmatizzata", sottolinea la proclamazione delle donne.

La Rete di Lavoratrici Sessuali dell'Honduras è sostenuta dal Fondo Globale per la lotta all'AIDS, la tubercolosi e la malaria, le Nazioni Unite (FM) e la Rete di Lavoratrici Sessuali dell'America Latina e dei Caraibi.

Fonte: EFE

El Comercio, Lima (Perù), 3 di giugno del 2015, http://elcomercio.pe/mundo/latinoamerica/honduras-trabajadoras-sexuales-marchan-sus-derechos-noticia-1815866

Commenti da Men of Worth Newspaper / Periódico de los Hombres de Valía

Lo stesso giornale El Comercio ha pubblicato, tre mesi prima, un articolo di BBC su San Diego, in California, diventando un centro di prostituzione, portando il caso di una donna nel sfruttamento sessuale. Io commenterò nella parte 2. Per un po, io alzerò alcuni punti sul caso sopra.

1) Qualcosa che dimostra che la prostituzione non è, per se stessa, male e contro la dignità delle donne è che queste prostitute hanno marciato per il loro lavoro, non solo per se stessi come individui.

2) Mentre Slut Walk è un evento criminale nelle strade di diversi paesi, e da "criminale" voglio dire crimini come l'incitamento all'odio contro gli uomini e offesa verso il Cristianesimo, tutto eso da ragazze senza paura con facce nude e a volte più di loro facce gridando frasi senza senso; alcune di quelle donne a Honduras erano con maschere. Chi queste donne mascherati avevano paura? Protettori? Poliziotti? Funzionari pubblici? Clienti abusivi? Qualcuno nella famiglia o nelle vicinanze scoprire che lei è una prostituta?

3) Hai notato che nessuna donna che ama questo lavoro è menzionata? Dove si trova una donna che una volta disse ai suoi genitori ei suoi fratelli che lei potrebbe diventare una professionista del sesso, come ho fatto io? Sì, lo sto scherzando, so quanto è difficile avere una bella famiglia come la mia. Ma anche se alcune di queste donne lavorano come prostitute a causa della mancanza di opzioni, loro ancora chiedono condizioni di CONTINUARE in questa attività, non per USCIRE da esa.

4) L'illegalizzazione della prostituzione e la pornografia, che alcune femministe chiedono, OFFRE le lavoratrici del sesso al crimine organizzato, invece LIBERARE a loro.

Abigail Pereira Aranha

Nessun commento:

Posta un commento

Facebook