mercoledì 7 ottobre 2015

Io non voglio la tua pietà: Lavoro Sessuale e Politica di Lavoro

Belle Knox Headshot

Diventa fan

Porno star della Università Duke; femminista positiva al sesso; attivista per i diritti dei lavoratori del sesso

Pubblicato: 14/04/2014, 05:43 EDT Aggiornamento: 14/06/2014, 05:59 EDT

PORN STAR

Joe Kohen via Getty Images

Recentemente ho ricevuto una email da un uomo in Colorado:

All'inizio della tua storia tu parli che a causa di elevati costi della [Università] Duke e non volendo finire con enormi quantità di prestiti, e non avendo anche una formazione specifica per gli altri tipi di lavori, tu hai deciso di entrare nel porno. In un certo senso tu sei suggerendo e facendo il caso per tu non avere una scelta e voglio dire una scelta economica.

In altre parole, se tu avevi altre abilità socialmente accettabili sul mercato, molto probabilmente tu avresti fatto altre cose e non entrare in porno.

La mancanza di scelta economica, in primo luogo fa altre scelte che seguono difficile di accettare essere scelte liberi, a causa della necessità.

Ah, lo scambio disperato. Questo non è un punto di vista unico e ricco di sfumature. Il concetto di scambio disperato permea i discussioni sul lavoro sessuale. Io sono stata confrontata con esso nelle interviste, nelle discussioni in classe, e nelle comunicazioni con gli amici. Come potrei essere eventualmente potenziata per necessità?

Gente suppone che il mio sostegno per i lavoratori del sesso e il porno è in qualche modo invalidato perché ho scelto di fare porno per i soldi e non per amore. Loro agiscono come se questo è alcuna vittoria scioccante per loro, perché essere una lavoratrice del sesso non era il mio lavoro da sogno - perché da bambina io non ho scritto "voglio essere una porno star" nel giorno di carriera, o racconto eccitata a tutti intorno a me su come eccitata io stavo di un giorno avere sesso sulla macchina fotografica per soldi. O perché il mio insegnante non mi ha detto che potevo essere qualsiasi cosa che io voglio essere: una astronauta, la presidente, anche una porno star! A quanto pare perché non ho sognato di vivere questa vita - perché questo era "necessario" - è ora in qualche modo torna ad essere moralmente sbagliato, e io divento un'altra prostituta commovente ad essere scartata con comodo.

Porno non era la mia unica opzione, ma è stata la più prudente, la più scaltra - negoziazione della più piccola quantità del mio tempo per il massimo profitto, il mio programma. Ho potuto facilmente avere preso prestiti per coprire miei bollette di tasse scolastiche, ma ho scelto di non farlo. Perché essere $ 50.000 o più in debito, quando semplicemente non era necessario? Io non stavo facendo quello che gli economisti chiamano un scambio disperato.

Uno scambio disperato nel mercato del lavoro è quello motivato dalla povertà - per necessità - l'analogia rubare-per-rifornire-tua-famiglia. Sì, certo che io faccio porno per soldi. È un lavoro, non un ritiro estivo. Perché altrimenti dobbiamo lavorare alle cose, se non per vedere un profitto? L'intero scopo del lavoro nel mercato economico è quello di produrre qualche risultato - che si tratti di denaro, beni, ecc. La maggior parte delle persone non lavora ogni giorno per il divertimento; lo fanno perché vogliono - hanno bisogno di - qualcosa in cambio. Pensi davvero che le persone che lavorano al McDonald friggendo hamburger e rispondendo alle clienti maleducati su base giornaliera sarebbe venuto a lavorare ogni giorno se non fossero pagati? Inoltre, pensi che il loro lavoro da sogno quando bambino era quello di fare questo? È il loro desiderio di migliori condizioni di lavoro, o la loro difesa della loro industria, in qualche modo il minore per questo? No.

L'argomento che la gente dovrebbe lavorare solo in posti di lavoro di cui godono o trovano potere proviene da un luogo di privilegio. Evitare prestiti agli studenti vuol dire che mi sono messo nella posizione di privilegio che mi permette di essere in grado di prelievo e scegliere con più attenzione il mio datore di lavoro, piuttosto che prendere il primo lavoro che viene offerto a me semplicemente per iniziare a artigliare me stesso dal debito. In America di oggi, i posti di lavoro sono scarsi e la disoccupazione è in bilico sull'orlo della doppia cifra; la situazione non è più allegra per i laureati. E 'estremamente irrealistico e ipocrita agire come se tutti noi possiamo ottenere la nostra professione desiderabile, da sogno. Spesso facciamo lavorare che non godiamo, perché abbiamo alle famiglie per mantenere o bollette per pagare, o, come la maggior parte del corpo studentesco con che spero di laurearmi, i prestiti per ripagare. Questo non fa il loro lavoro immorale o illegittimo.

Io stavo insegnando presso una classe la scorsa settimana e prendendo domande quando mi è stato chiesto da una studentessa, "Tu ancora avrai fatto porno se tu non avessi bisogno di soldi?"

Ho risposto: "No".

Lei sembrava sconvolta. L'intera classe era animata. Mi sentivo confusa. Sembra tutto così intuitivo. Io non avrei lavorato gratuitamente. Nessuno avrebbe fatto questo.

Ma il nocciolo della questione non è l'idea di io essere coinvolta in una transazione reciprocamente vantaggiosa. Il problema è che è porno. Tutte le nostre discussioni circostanti scambi disperati o ultime spiaggie sorgono quando discuteremo mercati tabù - soprattutto il lavoro sessuale.

Se io fossi stata una medica in piedi di fronte alla classe, sarei io stato chiesta la stessa domanda?

No. Perché essere un medico è un impiego "rispettabile". Ma la nostra idea di rispettabilità si basa sul oppressioni sociali ed economiche, vale a dire: essere un lavoratore sesso non è rispettabile o moralmente accettabile. Assegniamo un significato culturale al sesso; è per la procreazione e la conservazione del nucleo familiare. Ci è stato detto che è per il romanticismo, è speciale, amato e non mercificato, ma nel frattempo il sesso urla a noi da tutti cartellone ei canali di televisione. Il sesso può essere usato per vendere tutto tranne il sesso stesso. Lavoro sessuale, dunque, è sporco, è squallido, è qualcosa che solo persone veramente disperate fanno. La pietà e la conseguente marginalizzazione dei lavoratori del sesso come la gente di essere salvate, o danneggiati, merci è gravemente offensiva e contribuisce alla caricatura della camminatora della strada: scarta e cancella la persona dietro il lavoro, non più che quando si dipinge tutti i lavoratori di fast food come chi hanno abbandonato la scuola superiore. Il desiderio di vedere le persone nel lavoro non ci scegliamo per noi stessi come vittime è immaturo e reazionario, e danneggia la gente all'interno di tali professioni creando una linea tra noi e loro.

Lavoro sessuale è un lavoro: È un impiego. Io sono fortunata a che l'impiego che ho scelto per pagare miei bollette così succede di darmi potere e mi ricompensare in modi che io non ho immaginato che poteva. Amo il mio lavoro. Non nego per un secondo che questa non è la realtà per tutti, e abbiamo bisogno di loro storie troppo, ma non di essere rubate, rielaborate e raccontate dagli accademici o politici agitando bandiere, o parlate con pretesto e timbrate in puttane fatte con lo stampino per drame televisive. Il furto delle nostre voci, le nostre narrazioni, svilisce a noi come persone; e permette che noi siamo messi a tacere.

Quindi, per favore, prima di tua pietà di una lavoratrice del sesso, o parlare con me del mia "disperazione", considera il privilegio che tu hai quando guarda verso il basso su di me, e renda conto che anche tu te impegni in un "cambio disperato" tutti i giorni che guidi al lavoro - se sei abbastanza fortunato ad avere un impiego.

Segui Belle Knox su Twitter: www.twitter.com/belle_knox

Originale in inglese: "I Don't Want Your Pity: Sex Work and Labor Politics", The Huffington Post, http://www.huffingtonpost.com/belle-knox/sex-work-politics_b_5148528.html

Traduzione: Abigail Pereira Aranha (io commenterò esso nel prossimo post)

Original text in English reproduced at Periódico de Los Hombres de Valía / Paraíso Tangible: "I Don't Want Your Pity: Sex Work and Labor Politics", http://avezdoshomens2.blogspot.com/2015/10/i-dont-want-your-pity-sex-work-and.html
Tradução para o português no A Vez dos Homens que Prestam: "Eu não quero sua piedade: trabalho sexual e política de trabalho", http://avezdoshomens.blogspot.com/2015/10/eu-nao-quero-sua-piedade-trabalho.html
Tradución al español en Periódico de Los Hombres de Valía / Paraíso Tangible: "Yo no quiero tu lástima: Trabajo Sexual y Política Laboral", http://avezdoshomens2.blogspot.com/2015/10/yo-no-quiero-tu-lastima-trabajo-sexual.html
Traduzione al italiano in Periódico de Los Hombres de Valía / Paraíso Tangible: "Io non voglio la tua pietà: Lavoro Sessuale e Politica di Lavoro", http://avezdoshomens2.blogspot.com/2015/10/io-non-voglio-la-tua-pieta-lavoro.html

Nessun commento:

Posta un commento

Facebook